Don Antonino Minieri, viceparroco Parrocchia Ss. Prisco e Agnello

Carezze di luce nel buio della notte

Mese di maggio 2010 nella parrocchia dei ss. Prisco ed Agnello

E’ dura svegliarsi presto ogni mattina. Mi viene in mente la constatazione che, a questo proposito, compie la cameriera Maria, personaggio della commedia di Eduardo De Filippo, “Le voci di dentro”: “E poi qualunque cosa, quando si comincia di deve finire. Io la sera comincio a dormire, ma quando la mattina mi venite a svegliare, non ho finito ancora …”. E’ dura, ma ne vale la pena. E’ uno strumento per “collocare” il mio tempo, l’alba di un mio nuovo giorno, nel tempo del Signore. Si comincia verso le 5 e 55 con il

 Rosario, cercando ad ogni “Ave Maria” di fare un passo in avanti verso una esperienza sempre più diretta di un mistero della vita di Gesù. Poi alle 6 e 30 la Celebrazione Eucaristica: tutto il mio essere si fa “orecchio” per ascoltare le provocazioni, i “pugni nello stomaco” della Parola e subito dopo “bocca” per far entrare in quello stesso stomaco un “principio attivo”, il corpo di Gesù, capace di risvegliare il mio addormentato desiderio di amare. La stella polare di questa nostra traversata mattutina è stata la contemplazione della croce di Cristo, in particolare le “sette ultime parole di Cristo sulla croce”. Come sintetizzare in poche battute tutta la bellezza di questo viaggio? Una sera, pensando ad un titolo da dare a questo mese, mi è capitato di scrivere così: “Ieri sera, tornando in motorino da Castellammare, mentre il vento mi accarezzava il viso e la sera mi donava la sua sempre affascinante tranquillità, pensavo al cammino che stiamo facendo insieme. Cercavo un titolo da dare a questo mese, una frase in cui riassumere tutto, poche battute nelle quali condensare tutta la tensione positiva che stiamo mettendo in campo per rendere migliori le nostre vite. Hanno fatto capolino alla finestra del cuore diverse idee, ma alla fine una mi ha convinto. Questo maggio 2010 si intitolerà così: «Carezze di luce nel buio della notte». E come sottotitolo: «Le sette parole di Cristo sulla croce»”.

 

don Antonino Minieri

viceparroco della parrocchia Ss. Prisco e Agnello

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...