Siamo tutti carenti nella carità

Articolo di: Don Tonino Minieri

Già da alcuni mesi è attivo nella nostra famiglia parrocchiale un gruppo di fratelli e sorelle che si prefigge lo scopo di porre all’attenzione di tutta la comunità il tema della carità, la necessità non solo di proclamare la fede con la bocca, ma attraverso l’umile servizio di mani che stringono, occhi che guardano in altri occhi, piedi che camminano per andare dove c’è bisogno, menti e cuori che si prendono carico di coloro che vivono in situazioni di sofferenza e povertà. Perché la fede o è una Parola che, attraverso di noi, genera fatti d’amore, oppure non è. Perché l’incontro con Cristo o spinge ad incontrare quegli uomini del nostro tempo in cui Cristo si fa presente, i poveri, oppure non è un incontro reale, forse soltanto un’illusione che ci illude di avere fede, ma la realtà è ben diversa. Su questo “punto”, tutti siamo carenti. Tutti abbiamo bisogno di recuperare, iniziare un nuovo corso, ridare nuova forma e colore alla nostra fede.

La Chiesa Ss. Prisco e Agnello di Sant'Agnello

Questo gruppo di persone, dopo alcuni mesi di formazione (che continuerà sempre, anzi aumenterà nel proseguimento del cammino) e di lavoro nascosto, durante tutto il tempo favorevole della Quaresima, raccoglierà la sfida di rivolgere a tutta la comunità parrocchiale un invito a vivere la carità, mostrandola come dimensione fondamentale del nostro cammino con Gesù verso il Padre, assistiti dalla potenza dello Spirito. Una sfida entusiasmante, complessa, da far tremare i polsi, ma che si vuole affrontare con tutto l’impegno possibile e la voglia di affidarsi, perché in fondo è sempre Lui a fare tutto.

Ci saranno una serie di iniziative, attraverso le quali si cercherà di riabituare il cuore di tutti i parrocchiani a riconsiderare come parola d’ordine per la vita di tutti i giorni la carità. Durante le celebrazioni eucaristiche domenicali (mercoledì delle ceneri, dalla 1ª alla 5ª di Quaresima) si manderà un primo fondamentale messaggio, attraverso una particolare attenzione all’omelia, la preghiera dei fedeli, un segno durante la processione offertoriale, un messaggio da distribuire alla fine della Messa.

Ogni giovedì, in quattro diverse cappelle della nostra parrocchia, ci sarà la possibilità di ascoltare un testimone della carità, che racconterà la sua esperienza, aprendo alla possibilità di un fruttuoso scambio tra i presenti.

Il 10 aprile, a mo’ di conclusione di tutto questo percorso, sul sagrato della nostra chiesa parrocchiale, ci sarà una serata speciale, animata dalla musica di un gruppo di giovani appartenenti alla Gifra della regione Campania, dove altre persone, che dedicano gran parte della loro vita ad una vicinanza concreta ai più poveri, potranno ancora condividere la bellezza della sfida che hanno scelto di combattere e vincere.

Infine, c’è da ricordare che in tutte le chiese del nostro territorio parrocchiale, ci sarà una apposita cassetta, dove ogni persona, liberamente e con il cuore, potrà dare un’offerta per sostenere le future attività di questo gruppo, che speriamo possa diventare presto, anche ufficialmente, la nostra Caritas parrocchiale

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...