Una coppia di animatori innamorati

Articolo di: Armando Viola

La festa di San Valentino è una ricorrenza dedicata agli innamorati e celebrata in gran parte del mondo (soprattutto in Europa, nelle Americhe e in Estremo Oriente) il 14 febbraio. Pur rimanendo incerta l’evoluzione storica dell’evento, ci sono alcuni riferimenti datati i quali fanno ritenere che la giornata di San Valentino fosse dedicata agli amanti già dai primi secoli del II millennio.

Il 14 febbraio inoltre svolge una duplice funzione: per gli sposi costituisce un’opportunità di confermare il proprio amore; le giovani coppie invece attendono questa giornata con la speranza di sorprendere il proprio partner con un fantastico regalo. C’è chi pensa a cosa donare tra tubi di baci e peluche con un cuore sul quale viene scritto i love you. Oggigiorno il simbolo d’amore è espresso in modo particolare proprio dai cioccolatini perugina contenenti bellissime frasi: ecco come in un dono non ci si può mai sbagliare. Ma il sentimento più bello che esiste può essere dimostrato solo in questo modo e unicamente in questa occasione?

Alessandro Perrella e Mariateresa Ruocco

L’intervista alla coppia formata da Alessandro Perrella e Mariateresa Ruocco è un esempio che può rendere più chiari i pensieri che avvolgono San Valentino.

Che cos’è per te l’amore?

Alessandro: L’amore non si può descrivere, l’amore lo si può solo vivere in tutte le piccole e grandi cose che ci dona ogni giorno. Non si può definire, è un sentimento che arde forte dentro e non si riesce a spiegare. Un fuoco che non si può spegnere.

Mariateresa: L’amore per me è svegliarsi ogni mattina e avere un motivo in più per essere felice e sorridere, è sapere di poter sempre contare sulla persona che ti sta a fianco per condividere gioie e dolori, è un gesto gratuito, è volere il bene dell’altro, è cura, attesa. L’amore colora la mia vita. La descrizione più bella dell’amore per me è sempre stata la lettera di San Paolo ai Corinzi, dalla quale cerco di prendere esempio: «L’amore è paziente, è benigno l’amore; non è invidioso l’amore, non si vanta, non si gonfia, non manca di rispetto, non cerca il suo interesse, non si adira, non tiene conto del male ricevuto, non gode dell’ingiustizia, ma si compiace della verità. L’amore non avrà mai fine».

San Valentino è un giorno che attendi con ansia? Perché?

Mariateresa: Non attendo con ansia il giorno di San Valentino, per me ci sono ricorrenze più importanti da festeggiare nella mia vita di coppia, anche se è bello che ci sia una festa per gli “innamorati”. Non credo che San Valentino sia l’unico giorno in cui si possa esprimere il proprio amore; sarebbe davvero triste dover attendere una ricorrenza per poterlo fare. è vero che nella quotidianità si può perdere la bellezza di tanti gesti d’amore, anche semplici, ma è proprio quella quotidianità che renderà speciali altri momenti.

Alessandro: Sinceramente San Valentino non lo attendo con ansia, per poter avere momenti “da innamorato” non esiste solo il 14 febbraio; inoltre non è una mia grande attrazione anche perché è una festa più “femminile” che maschile!

Colgo la tua risposta, Alessandro, per dirti che un attivista americano di nome Marc Rudov ritiene proprio che San Valentino sia una festa al femminile; come spiegheresti questa affermazione?

Alessandro: Sono sicuramente d’accordo con Marc Rudov perché le ragazze tendono a credere nell’amore fiabesco che il 14 febbraio prende vita nella realtà.
L’uomo solitamente è meno sognatore delle donne e forse per questo attende meno la principessa nel giorno di San Valentino!

Mariateresa: Non sono d’accordo con l’attivista americano sul fatto che San Valentino sia una festa solo femminile; se è vero che in questo giorno si celebra l’amore dovrebbe avere la stessa importanza sia per le donne che per gli uomini. Forse è solo un modo per far uscire fuori la parte più sensibile di un uomo.

Ti senti molto condizionato dal regalo?

Alessandro: Assolutamente no! Il regalo va pensato, va “partorito” con calma e “coccolato” fino alla consegna. Quello sicuramente sarà un regalo “vincente”! Bisogna saper colpire il cuore, come un freccia va attentamente scoccata e indirizzata verso il bersaglio.

Mariateresa: No, non mi sento condizionata dal regalo perché penso che in qualsiasi modo e forma si esprimano i propri sentimenti, se questi sono autentici, ne uscirà qualcosa di buono che potrà essere apprezzato da chi ci sta accanto. Il vero amore sa rendere tutto unico.

Come pensi che venga dimostrato l’amore in questo giorno? Tu come lo dimostreresti?

Alessandro: L’amore dimostrato solo a San Valentino non è vero amore. Una rosa per esprimere il proprio sentimento può essere sempre regalata. Per questo credo che l’amore vada dimostrato tutti i giorni con i gesti più semplici, con gli sguardi più profondi, con attimi lunghi una vita. L’amore è sorridere anche nei momenti difficili perché nonostante tutto hai avuto la fortuna di amare.

Mariateresa: L’amore in questo giorno viene dimostrato con vari regali, dai più piccoli ai più impegnativi. Io cerco di dimostrarlo con gesti semplici, con qualche dono che rappresenti qualcosa di importante per me e che sia adeguato al momento che sto vivendo, anche se spesso sono i regali a “costo zero”, ma fatti con il cuore, ad essere i migliori.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...