Il Raid dei Mille

Mario Arosio è presidente del Moto Guzzi World Club, il club di marca Moto Guzzi nel cui consiglio ci sono quattro dirigenti del gruppo Piaggio, proprietario del marchio che ha spinto fortemente verso la creazione di questo ente mondiale. Il 15 marzo, insieme ad altri motociclisti, ha fatto tappa a S. Agnello nell’ambito del Raid dei Mille, tour per amanti della Guzzi organizzato per festeggiare le ricorrenze del centocinquantesimo anniversario dell’unità d’Italia e del novantesimo anno di vita della Guzzi, una delle case motociclistiche più antiche, gloriose e amate del mondo.

Quando è partita l’iniziativa del Raid dei Mille? Di cosa si è trattato esattamente?

L’idea del Raid dei mille è nata un mese fa quando a un certo punto mi sono trovato ad organizzare il Mondo Moto Guzzi per festeggiarne i 90 anni ho avuto la certezza di non poter accogliere tutti i guzzisti del mondo, per cui volevo fare qualcosa per gli italiani che festeggiano il 150esimo anniversario dell’unità; ho pensato di essere messaggero dei guzzisti e di partire quindi da genova, andare giù in Sicilia con la nave e da Palermo incontrare e portare con i me i motociclisti di nuovo su a Genova oppure abbracciarli nei loro paesi.

Cosa significa essere guzzisti in questo anno particolare in cui ricorrono date importanti per l’Italia e la Moto Guzzi?

Essere guzzista significa avere la passione per la moto e per un marchio che ha avuto una storia gloriosa e comunque per dei prodotti che sono veramente eccezionali e la dimostrazione è quella che facciamo tanti chilometri con le nostre moto. Continua a leggere