Intervista a Lucio Vinaccia, presidente dei Moteros

Intervista di: Antonella Coppola

Lucio Vinaccia è il presidente dei Moteros, gruppo storico di motociclisti della penisola con la predilezione per la Moo Guzzi e la libertà nei volti e nelle ruote. Ci ha raccontato la partecipazione del gruppo al Raid dei Mille, evento organizzato dal Moto Guzzi World Club per i centocinquant’anni dall’unità d’Italia.

 

Chi sono i Moteros e in che modo avete partecipato al Raid dei Mille?

Siamo un gruppo di Sant’Agnello che fa capo al Moto Guzzi World Club. La nostra è un’esperienza di ormai quindici anni e ogni anno organizziamo l’evento Guzzi and Friends che si tiene nelle prime settimane di settembre. Insieme con gli altri Guzzisti che sono arrivati il 15 marzo a Sant’ Agnello abbiamo fatto, con alcuni motociclisti del gruppo, la seconda tappa del Raid dei Mille. Alcuni di noi sono arrivati anche a Genova, dove ritorneremo a Genova per partecipare al Mondo Guzzi, manifestazione organizzata dal Moto Guzzi World Club che accomuna i gruppi più rappresentativi d’Italia tra i quali ci siamo anche noi

Ci racconta la sua passione motociclistica e il suo amore per la Moto Guzzi?

Il mio è stato un amore nato da ragazzino. Allora andavano di moda le moto di marca giapponese, mentre io sono sempre stato un nazionalista per i motori, per l’affidabilità che la Moto Guzzi ha sempre regalato, visto che andare in moto allora non era facile e allora con un po’ di fil di ferro e nastro adesivo arrivavi dovunque con questa moto italiana. E’ una tipologia di moto che non passa mai di moda e che vanta grandi glorie tra i suoi prodotti, apprezzati forse più all’estero che in Italia. In America la Guzzi ha più considerazione dell’Harley Davidson, uno sceriffo di Los Angeles mi disse che l’Harley suona bene perché ha un gran bel rumore, è bella da vedere ma la Guzzi vive. C’è anche un altro aneddoto raccontato da alcuni amici tedeschi che vennero a trovarci: ci dissero che la Guzzi serve per viaggiare, la Honda per correre e la Bmw per il resto.

Quanti iscritti conta il gruppo dei Moteros e in che modo è possibile iscriversi?

Nel gruppo Moteros abbiamo dodici iscritti storici ma più di cento se contiamo gli iscritti al Moto Guzzi World Club attraverso la nostra associazione. Per iscriversi bisogna contattare il sottoscritto o visitare il sito www.moteros.it che presenta tutte le nostre iniziative. Prima della iscrizione chi vuole iscriversi ci studia e noi studiamo lui; può darsi che ci trovi troppo lenti o troppo veloci, troppo “babboni” o troppo scostumati o viceversa. E’ difficile per un moto club avere una certa armonia.

Darebbe un consiglio ai giovani che si avvicinano al motociclismo?

Sempre quello di fare esperienza con chi ha esperienza nel campo delle moto. Siamo stati anche al liceo scientifico ed ho portato la mia esperienza, fatta anche di cadute, di problemi e di piccole cose come per esempio non frenare sulle strisce pedonali bagnate. Noi siamo aperti a tutte le tipologie di marca, l’importante è andare in moto rispettando la libertà degli altri. Lo stereotipo del motociclista brutto, sporco e cattivo non ci rappresenta, alcuni infatti sono andati via perché volevano interpretare il ruolo del motociclista in modo più aggressivo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...