Lettera in redazione

La seguente lettera scritta da Lauro Castellano e inviata, con foto in allegato, all’indirizzo di posta elettronica redazione_ilcentro@yahoo.it il giorno sabato 12 marzo 2011 fa riferimento all’articolo pubblicato nell’edizione n.44 del 27 febbraio 2011 a pagina 23 in cui, dietro segnalazione dei lettori, si affrontano gli argomenti del degrado monumentale della basilica di San Michele Arcangelo di Piano di Sorrento a causa del guano di piccione e delle soluzioni possibili nel rispetto tanto dell’arte quanto degli animali.

Ho letto l’articolo su “Il Centro” di febbraio “Salvate la faccia della Chiesa San Michele” riguardo i provvedimenti al vaglio degli esperti circa la soluzione del problema del guano (le “cacche”) rilasciato dai piccioni sulla facciata della nostra Basilica o, peggio ancora (?), sugli abiti dai fedeli.

La lettura dell’articolo è stata per me motivo di indignazione che spiego.

Da una riflessione che vada leggermente oltre i problemi di tinteggiatura e di lavanderia dovrebbe emergere che esiste, purtroppo, una parte dei nostri parrocchiani che ben volentieri si sottoporrebbe al “pericolo” perché rappresenterebbe per loro la possibilità di entrare dall’ingresso principale della nostra Basilica, la possibilità di ammirare e oltrepassare le sue stupende porte bronzee, di rimanere incantati dal rifatto cassettonato ligneo da una prospettiva per loro ormai desueta.

Questi sfortunati parrocchiani (e cittadini!) sono quella schiera di anziani e disabili (e loro accompagnatori tra cui il sottoscritto!) che per accedere alle funzioni in Basilica sono costretti a subire, nell’ordine:

1. entrata dalla porta secondaria

2. slalom tra auto in divieto di sosta

3. passaggio su una pavimentazione fatiscente e pericolosissima

4. porte strette (impraticabili per un disabile in carrozzella)

5. possibilità anche per loro della cacca del piccione!!!

Bene, è giusto abbellire la nostra Basilica ma è assolutamente ingiusto che a goderne pienamente siano solo i giovani, i sani e i belli.

Di chi è la competenza della via d’acceso all’entrata secondaria? Si stabilisca e si ponga fine a questa vergogna.

Se quell’ingresso non è a norma lo si chiuda (non lo si faccia passare come un “favore”) e si sollevi il problema.

L’abbattimento delle barriere architettoniche è legge dello Stato ma nell’attesa perlomeno sicurezza e dignità ai più deboli.

Si salvi la faccia della nostra Basilica ma evitiamo di perdere ulteriormente la nostra.


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...