“Linee e confini”, l’evento

Eventi. Grande successo di pubblico e critica per la prima presentazione della silloge “Linee e Confini”

L’ARTE, PROTAGONISTA DISCUSSA DELLA SERATA

I versi di Mario De Rosa, il teatro di Angela Caterina, le musiche di Claudio Jr. De Rosa e la matita di Aldo Terminiello. Intervenuti la prof Barba e il Sindaco di Piano di Sorrento, Giovanni Ruggiero

Guarda il VIDEO di Diego Ambruoso sull’evento

Da sinistra: Costanza Martina Vitale, la prof. Angela Barba, il poeta Mario De Rosa, l'attrice Angela Caterina

Buio in sala. Lentamente fa capolino una luce calda laterale che va ad illuminare il volto di una giovane donna dai lunghi capelli corvini pronta per proclamare la protagonista indiscussa della serata: la poesia. Un cenno di intesa degli organizzatori e l’incontro ha inizio. È domenica, il 10 aprile. Il centro culturale comunale di Piano di Sorrento ospita la prima presentazione di “Linee e confini”, la nuove silloge di Mario De Rosa, già autore della raccolta di liriche “E finalmente piove”. La sala è piena, affettuosa e partecipe. E in questo gioioso ritrovo entra in scena la prima opera “Io canto il silenzio”. È la voce di Angela Caterina, attrice e scrittrice dell’opera teatrale “Io Pierrot” alla quale verrà affidata la trasmissione delle emozioni dai versi al pubblico. Dopo il primo caloroso applauso prende la parola la moderatrice della serata, Costanza Martina Vitale che, con fare emozionato ed elegante, presenta gli intenti, gli obiettivi e il backstage dell’iniziativa. La manifestazione – spiega – è organizzata dalla cooperativa “Akmàios”, nota all’attenzione dei cittadini già per l’omonimo Concorso nazionale di Poesia e Fotografia e per il giornale “Il Centro”, mensile della Penisola Sorrentina, di cui è editrice.

La sala del Centro Culturale di Piano di Sorrento durante la presentazione

Anche Mario De Rosa, tra i tanti altri validi collaboratori, apporta il suo prezioso contributo alla redazione del giornale, ed è per questo, e per la naturale e prefissata volontà di dare, in quanto giovani, giusto spazio ai giovani, che è nata l’idea della presentazione di “Linee e confini”. Per illustrare l’opera viene data la parola alla professoressa Angela Barba, autrice della prefazione del libro e docente del liceo classico “P.V. Marone” di Meta. Dalle sue parole si evince non solo la profonda stima nei confronti dell’autore ma anche la grande passione per le materie letterarie e per i moti dell’anima che permettono la sperimentazione di tecnicismi non fini a se stessi. Non mancano collegamenti ipertestuali, rimandi a grandi opere letterarie e riflessioni personali sull’abilità di Mario De Rosa nel trasmigrare da un clima poetico all’altro con coerenza e spiccato senso lirico.

Prima di dare il via alla seconda fase dell’incontro, la parola passa al sindaco di Piano di Sorrento Giovanni Ruggiero, presente in sala e sempre attento alle iniziative dei suoi cittadini, in particolare dei giovani, futuro del paese. Il suo è un invito a riacquistare la lentezza del vivere e la capacità di guardare l’infinito anche attraverso la poesia e attimi di dedizione alla bellezza artistica che ci circonda. Su questa scia di idealità si apre il dibattito tra la professoressa Barba e Mario De Rosa incentrato sulla raccolta “Linee e confini” e sul ruolo della poesia al giorno d’oggi. Al termine del dibattito interviene Aldo Terminiello, studente e autore dell’immagine in copertina al libro, che spiega con freschezza e simpatia ai presenti l’idea della triplice dimensione del “perdersi” che l’opera gli aveva ispirato. Intermezzi costituiti dalle interpretazioni di Angela Caterina e l’accompagnamento musicale al pianoforte di Claudio Jr De Rosa, allievo presso il conservatorio “G.Martucci” di Salerno, con proprie composizioni, aggiungono un tocco di leggerezza al ritmo incalzante dell’incontro.

L'attrice e poetessa avellinese Angela Caterina durante l'interpretazione di "Io Pierrot"

Un dono inaspettato è, infine, l’estratto del monologo “Io Pierrot” firmato e interpretato in maniera toccante e commuovente, a luce nuovamente soffusa, dall’attrice avellinese.

La conclusione dell’incontro è affidata ai ringraziamenti e alla promozione del Concorso Nazionale di Poesia e Fotografia Akmàios, realizzato in collaborazione con l’autore di “Linee e Confini”.

L’ultima parola spetta proprio a Mario De Rosa che, felice della grande partecipazione di pubblico – l’evento avrà, inoltre, anche grande riscontro di critica e visibilità sui media locali – ringrazia la professoressa Angela Barba, l’attrice Angela Caterina, il musicista nonché fratello Claudio Jr. De Rosa per la collaborazione gratuita e le coordinatrici del giornale “Il Centro”, Iole Filosa e Costanza Martina Vitale, per la realizzazione dell’evento e per il rapporto di amicizia creato. L’ultimo applauso è per la poesia “Oltre la stanza” letta dall’autore stesso.

>>Leggi la recensione di Antonio Volpe sull’evento
>>Leggi la recensione di Francesco Pascuzzo sull’evento
>>Scopri di più sul Concorso Nazionale di Poesia e Fotografia Akmàios

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...