Sacerdoti, animatori e operatori pastorali per la prima volta «strumenti di salvezza» con i defibrillatori

centro parrocchiale zamaSi apriranno il 15 gennaio le porte del centro parrocchiale “A. Zama” di Piano di Sorrento per dare inizio al Corso di formazione al primo soccorso e all’uso del defibrillatore semiautomatico esterno, a cui parteciperanno in prima persona sacerdoti, animatori e operatori pastorali delle comunità parrocchiali della Penisola Sorrentina. L’appuntamento si inserisce nel progetto PAD (Pubblic Access Defibrillation), il programma di prevenzione in ambito di emergenza cardiologica che trova nel Dott. Vincenzo Iaccarino, cardiologo, Vice Sindaco del Comune di Piano di Sorrento e delegato dei Comuni peninsulari in tema di Sanità, il suo promotore con la collaborazione del G.I.E.C. (Gruppo di Intervento per le Emergenze Cardiologiche) presieduto dal Prof. Maurizio Santomauro.

A livello nazionale primo nel suo genere all’interno delle comunità religiose, il Corso è stato calorosamente accolto da Mons. Francesco Alfano, Arcivescovo della Diocesi Sorrento-Castellammare, per una duplice finalità: accrescere la sicurezza nei luoghi in cui i fedeli si incontrano formando educatori consapevoli e amplificare l’importanza del dono della vita, concetto da sempre caro alla Chiesa, attraverso il caleidoscopio della responsabilità per l’esistenza altrui.

Il progetto PAD è stato presentato ufficialmente al pubblico il 4 maggio 2012 con l’obiettivo di posizionare in punti strategici della Penisola sorrentina, nelle scuole, nelle farmacie, in luoghi pubblici e di aggregazione, il defibrillatore semiautomatico esterno. Si tratta di un dispositivo capace di generare scosse elettriche utili a contrastare gli arresti cardiaci dovuti a fibrillazione o tachicardia ventricolare, dunque in quei casi dove l’attesa dell’arrivo dell’ambulanza risulta fatale il 70% delle volte e dove coloro che sono stati addestrati con il Corso di formazione (secondo la legge “salvavita” n°69 del 15 marzo 2004) possono non rimanere inermi davanti alla tragedia ma essere, concretamente, «strumenti di salvezza».

©Riproduzione Riservata. Akmàios Edizioni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...