Sorrento-Castellammare. Partono i campi estivi diocesani.

Estate 2012 insieme all’AC, partono i campi estivi diocesani per i ragazzi, i giovani e gli adulti della nostra Arcidiocesi di Sorrento-Castellammare di Stabia.

Per i ragazzi ed i giovanissimi di AC basterà preparare lo zainetto, il cappellino ed il diario del campo, per una nuova e colorata estate all’insegna dell’entusiasmo e dell’amicizia. L’inizio delle attività estive si terrà con il campo degli Adulti dal 20 al 22 Luglio dove si terrà “una tre giorni” presso il Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano (Salerno).

Per informazioni e adesioni sarà possibile contattare Gianfranco Aprea al n. 3339607443 e Anna Maria la Mura al n. 0818742630. Invece il campo diocesano per i giovanissimi si terrà dal 27 al 31 Luglio presso la Casa Leonori di Assisi (Perugia) il campo scuola per giovanissimi. La quota di partecipazione è di 170 € e per informazioni e adesioni sarà possibile contattare Francesco Cimmino al n. 3490609122 e Deila Maresca al n. 3319288336. Infine, per i campi-scuola diocesani dell’ACR, ci sarò la possibilità di partecipare a due campi.

Per i ragazzi dai 9 agli 11 anni, il campo si terrà dal 20 al 24 Agosto, mentre per i ragazzi dai 12 ai 14 anni si terrà dal 24 al 28 Agosto. La località ospitante è Camporotondo (Aquila) e la quota di partecipazione è di 170 €. Per informazioni e adesioni sarà possibile contattare Benedetta Martone al n. 3403941042 e Maria Giovanna Aprea al n. 3392829247. 

Vincenzo Vertolomo

“Seminare Cultura e Civiltà”, incontri a Sorrento su cultura, fede e politica Sorrento.

Seminare Cultura e Civiltà” in un mondo spesso distratto: la comunità ecclesiale della cattedrale di Sorrento (Na), nella consapevolezza che la sfida educativa è oggi di importanza fondamentale, promuove, nel periodo estivo, una serie di incontri sull’“educAzione” intitolati significativamente “Semi…Siamo”. A fare da sfondo a questi appuntamenti sono gli Orientamenti pastorali della Conferenza episcopale italiana per il decennio 2010-2020, “Educare alla vita buona del Vangelo”. Infatti, la storia bi-millenaria della Chiesa è “un intreccio fecondo di evangelizzazione e di educazione. Annunciare Cristo, vero Dio e vero uomo, significa portare a pienezza l’umanità”. Non c’è nulla, insomma, che “non abbia una significativa valenza educativa”.  Come spiega il parroco della cattedrale, don Carmine Giudici, “l’obiettivo di questi incontri è creare un’occasione di confronto e riflessione in un contesto, come quello sorrentino, spesso distratto”. C’è, però, anche un obiettivo a più lungo termine: “Creare – spiega don Giudici – anche con il coinvolgimento di altre parrocchie, un laboratorio di formazione socio-politica che veda impegnati responsabilmente giovani ed adulti laici delle nostre comunità ecclesiali che vogliano rispondere ad una chiamata all’impegno ed al servizio del territorio e della comunità”. Primo passo, questo, di una vera e propria scuola di formazione socio-politica, così come oggi chiedono i vescovi italiani. I primi appuntamenti si sono tenuti il 7 e l’8 giugno. Tema dell’incontro è stato “Il coraggio di educare oggi” dove è intervenuto Giuseppe Savagnone, scrittore ed editorialista di Avvenire. Il secondo incontro che si terrà il 12 luglio, intitolato “RelAzioni educative”, vedrà protagonisti Franco Miano, presidente nazionale dell’Azione Cattolica Italiana ed il neo-arcivescovo di Sorrento-Castellammare, monsignor Francesco Alfano, che si confronteranno sul tema dell’educazione agli incontri (o relazioni) e all’incontro (con Cristo) nella comunità ecclesiale. Ancora il 27 luglio si parlerà di educazione al rispetto della dignità della vita in tempo di crisi, anche dei valori. All’appuntamento, “Ogni vita vale”, interverranno Lucio Romano, ginecologo e presidente nazionale di Scienza & Vita e padre Gonzalo Miranda, decano della Facoltà di Bioetica dell’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum. A settembre, infine, un incontro sulle sfide della comunicazione, “Educare comunicando, comunicare educando”, al quale parteciperanno il direttore di Famiglia Cristiana, don Antonio Sciortino, e il direttore di Avvenire, Marco Tarquinio. Tutti gli incontri si terranno a partire dalle ore 20 nell’atrio della Cattedrale di Sorrento, in Corso Italia.

Vincenzo Vertolomo

Il Centro è on line: aspettando Natale…

Questo mese la prima domenica di Avvento del 2011 si apre con la 53° edizione della rivista Il Centro, già affermatasi in Penisola Sorrentina per l’attenzione che sa rivolgere al mondo del sociale, dell’arte, della cultura e della religione. In questo numero:

– Il progetto di restauro delle edicole votive di Piano di Sorrento e l’intervista al Professor Pierfrancesco Rescio

– Cecilia Coppola intervista padre Ferruccio per i suoi 60 anni di sacerdozio

Marina D’Aequa, trent’anni dopo la tragedia

– Per la rubrica “Cucino con il Centro” un gustoso calendario dell’avvento

– Giuseppe Arpino, ministrante con il piglio da leader

– i 2 anni della rubrica sportiva “Il Centro…campo

E ancora la rubrica di diritto canonico, il saluto di una catechista, la protezione civile di Piano di Sorrento compie un anno, la rubrica di teoria e pratica per aiutare i giovani studenti nella comprensione delle materie scientifiche, l’appuntamento con il testo sinodale da poco pubblicato nella nostra diocesi e tanto altro.

Da questo mese Il Centro è anche online!

Un modo per essere ancora più vicini ai nostri lettori

CLICCA QUI PER LEGGERE L’EDIZIONE DI NOVEMBRE

Forza Raffaele!

Scoprire che un amico è in pericolo e restare in attesa di qualche buona notizia è snervante, qualcosa di terribile. E’ quello che molti dei conoscenti di Raffaele, giovane animatore di Piano di Sorrento, hanno provato ieri sera aspettando i risvolti della brutta disavventura di cui è stato protagonista.

Raffaele De Gennaro, 24 anni, Animatore Acr della Parrocchia di San Michele Arcangelo

Immaginate ora di venire a conoscenza di una tale peripezia dalla rete; la vicenda è stata descritta con dovizia di particolari non più di mezz’ora dopo l’accaduto; la dinamica raccontata nei minimi dettagli, quando l’unico che può svelare, se vuole, quando vuole e a chi vuole, cosa è realmente successo può essere solo colui che ha vissuto questa spiacevole situazione. Nessuno ha pensato che forse a leggere quel testo sarebbe potuto trovarsi un parente, magari un genitore, ancora all’oscuro della situazione. E invece anche loro sono dovuti sottostare alla legge del click, alla regola del primo che arriva, come si trattasse di una gara, senza alcun rispetto per lo stato d’animo di chi vuole bene. Addirittura erano ancora in corso le operazioni di soccorso mentre in rete circolava la notizia che Raffaele stava bene ed era già stato portato via. Una volta saziata la fame di curiosità, di foto e video, tutto è finito, mentre all’ospedale genitori ed amici aspettavano fino a tarda notte l’esito, fortunatamente positivo, di un delicato intervento chirurgico.

Noi redattori de Il Centro, dopo aver seguito la vicenda con apprensione, in maniera rispettosa ed in attesa di notizie certe e positive, desideriamo solo stringerci attorno alla famiglia ed ai parenti di Raffaele, aspettando che superi felicemente, con la solita allegria e la solita forza, questo piccolo ostacolo.

La parabola del pagliaccio

Articolo di: Susy Russo

In un assolato pomeriggio di marzo il centro parrocchiale “A. Zama” di Piano di Sorrento si è riempito di tanti simpaticissimi animatori accorsi da tutte le parrocchie dell’unità pastorale per un incontro molto speciale: direttamente dall’Emilia Romagna sono venuti per noi tre membri dell’associazione Creativ. La Creativ è una realtà formativa nata riunendo un notevole gruppo di professionisti che lavorano da molti anni nel campo della psicologia, educazione e comunicazione.

 

Disegno che ritrae don Vittorio Chiari. L’immagine è tratta da http://www.reggionline.com

Per rompere il ghiaccio ci siamo lanciati in un divertente ballo anche se un pochino scettici poiché gli incontri di formazione a cui siamo abituati procedono sempre in maniera abbastanza statica.
Successivamente ci siamo divisi in gruppi, ognuno di noi aveva la possibilità di partecipare al laboratorio che più gli aggradava: quello del gioco come scoperta, conoscenza, creazione di legami, quello che dava qualche dritta per l’animazione delle feste oppure quello in cui si andava alla scoperta dell’importanza del gruppo e dell’individualità del ragazzo all’interno di esso.

Questo pomeriggio full immersion (l’incontro è durato dalle 14.00 alle 20.30) è stato molto importante; parecchie volte i ragazzi ci mandano messaggi che con occhi non abbastanza attenti passano inosservati, allora sta a noi imparare a recepirli; e dobbiamo essere anche noi a mandarne di corretti.

Sicuramente tutto ciò non è facile, ma noi ci mettiamo tutto l’impegno possibile. Come ha detto don Pasquale Irolla della comunità di San Michele Arcangelo nella preghiera conclusiva, è bello vedere come a tanti chilometri di distanza ci siano persone che condividono i tuoi stessi ideali, che possono aiutarti a migliorare sempre perchè in fin dei conti lavoriamo per lo stesso scopo.

Ci siamo poi salutati ascoltando un brano di don Vittorio Chiari recentemente scomparso. Parlava di chi è capace di indossare un naso rosso come quello dei clown. «Se sai prenderti meno sul serio allora indossi il naso rosso» diceva in un passaggio e forse è questo l’importante per noi animatori: non prendersi troppo sul serio ma agire sempre seriamente.

L’Ac si veste a festa

Ecco come l’Ac di alcune comunità della penisola sorrentina hanno festeggiato il carnevale e quale tema hanno scelto per l’occasione:

Griffin e anni ’60 – Santa Maria del Lauro (Meta)

Due sono stati i temi scelti dagli animatori della parrocchia di Meta: i ragazzi sono stati trasportati direttamente in America e precisamente tra i membri della famiglia Griffin; i giovanissimi invece, hanno fatto un tuffo nel passato, nello splendore degli anni ‘60. Le feste si sono svolte presso il centro parrocchiale, quella dei ragazzi è stata fatta domenica 6 marzo, quella dei giovanissimi il lunedì seguente, 7 marzo. I ragazzi hanno aderito numerosi all’American party e gli animatori si sono attrezzati (con braci e friggitrici) preparando loro squisiti hot dog. I giovanissimi non hanno esitato a mascherarsi e sulle note della grande musica degli anni ‘60, si sono scatenati in pista tra balli e sane risate. Tutto ciò si è svolto in un clima gioioso e festoso perché «la vida es un carnaval» e sia i ragazzi che i giovanissimi sanno sempre come divertirsi.

Marino Russo

 

Simpson e coppie – San Michele Arcangelo (Piano di Sorrento)

Il Carnevale 2011 è stato quasi unico per la concomitanza dei festeggiamenti in onore della donna. Esso è stato speciale, però, anche per i ragazzi e i giovanissimi dell’Azione Cattolica di San Michele Arcangelo a Piano di Sorrento. Gli animatori hanno ideato Continua a leggere

Giorni d’amore

Articoli di: Vincenzo Vertolomo e Martina Inserra

Continuano a svolgersi positivamente le iniziative e le attività dell’associazione “Mons. A. Zama” dell’Azione Cattolica diocesana. In particolare, Sabato 5 febbraio si è tenuta la Festa diocesana della Pace “La pace ha tutti i numeri!” tenutasi presso il Liceo Scientifico “F. Severi” di Castellammare di Stabia, iniziativa che ha raccolto nella città delle acque termali circa 1000 accierrini da tutte le parrocchie dell’arcidiocesi Sorrento-Castellammare. Ha visto prima il raduno presso la chiesa SS. Maria del Carmine per poi marciare dopo un sentito momento di preghiera per le principali strade cittadine fino ad arrivare all’auditorium dell’Istituto Scientifico “F. Severi”. Ad attendere i piccoli accierrini sono stati gli artisti dell’ACband di Molfetta (Bari) appositamente invitati e giunti dalla Puglia per animare la Festa diocesana della Pace 2011. Dopo entusiasmanti giochi, balli, canti con l’esibizione degli educatori dell’equipe dell’Acr guidati dall’assistente diocesano don Francesco Paolo Celotto e significativi momenti di preghiera e di riflessione, la serata è terminata salutando e ringraziando i simpatici ospiti appositamente arrivati dalla diocesi di Molfetta.


Conclusasi oltre ogni rosea previsione anche l’iniziativa formativa delle “Tre sere educatori” realizzata dall’equipe diocesana dei giovani dell’Ac presso il centro pastorale della chiesa di Meta dove il 15/16/17 febbraio, si sono radunati gran parte degli educatori, dei giovani e giovanissimi di Ac dell’arcidiocesi per partecipare a tre incontri di formazione tenutosi dal martedì al giovedì. Ospite come relatore d’eccezione don Tonino Lasconi Continua a leggere

Nuovo consiglio parrocchiale a San Michele

Il mandato di Gino Cacace come presidente di Azione Cattolica giunge al termine e le elezioni del nuovo Consiglio parrocchiale si impongono all’attenzione della comunità di San Michele. Viene eletto Mario Casa che racconta la sua esperienza in AC sulla pagine del giornale e fornisce i dati delle elezioni e delle nomine assegnate settore per settore, come illustra lo schema riassuntivo riportato di seguito.

NB.lo schema seguente è aggiornato rispetto all’edizione cartacea: le informazioni fornite sono state corrette a seguito della gentile segnalazione dei nostri lettori

UN PRESIDENTE ZAINO IN SPALLA

Intervista di: Cecilia Santovito

Mario, descriviti brevemente, chi sei, e quali sono le tappe che negli anni ti hanno condotto a questo incarico?

Mario è un padre e un marito, che nel suo cammino ha ricevuto tanto: da ragazzo all’Acr, dal 1981, uno dei pochi fortunati componenti dell’unico gruppo 6-8 della nostra storia di Ac; da giovanissimo tra i pionieri del Gruppo Ministranti; da giovane come animatore. Negli ultimi dieci anni, tra il “mettere su famiglia”, e a causa dei ritmi lavorativi, sono stato un po’ solo spettatore di quanto avvenuto nella nostra parrocchia: tuttavia l’impegno dell’animazione musicale della messa delle 11.15, mi ha tenuto fortunatamente legato almeno all’Eucarestia settimanale. Da alcuni anni poi, l’esperienza dei gruppi Giovani Famiglie, mi ha progressivamente riportato tra le mura del centro parrocchiale, ed oggi vedo già all’orizzonte, di qui al termine del mio mandato di Presidente, l’ingresso di mio figlio all’Acr.

Quali sentimenti hai provato in occasione della nomina? Continua a leggere

L’Acr a Campitello Matese

Articolo di: Stanislao Macarone Palmieri

Non c’è alcun dubbio: proporre a dei ragazzi di andare sulla neve è la garanzia vincente per una giornata all’insegna del divertimento.Un segreto che gli animatori di San Michele Arcangelo hanno scoperto da tempo e che rinnovano ogni anno, riuscendo, nonostante difficoltà varie, a trascinare un gran numero di accierrini. Meta di quest’anno Campitello Matese, tranquilla località molisana con poche attrattive paesaggistiche ma che per domenica 30 gennaio si è trasformata in un magico wonderland. Tra ritardi e problemi tecnici in autostrada finalmente intorno alle 10 si arriva: pochi minuti per dare il tempo di cambiarsi in una sala e poi di corsa tutti a costruire pupazzi di neve o inseguire i propri animatori bombardandoli con palle di ghiaccio (tra l’altro anche belle pesanti!). Continua a leggere

Una coppia di animatori innamorati

Articolo di: Armando Viola

La festa di San Valentino è una ricorrenza dedicata agli innamorati e celebrata in gran parte del mondo (soprattutto in Europa, nelle Americhe e in Estremo Oriente) il 14 febbraio. Pur rimanendo incerta l’evoluzione storica dell’evento, ci sono alcuni riferimenti datati i quali fanno ritenere che la giornata di San Valentino fosse dedicata agli amanti già dai primi secoli del II millennio.

Il 14 febbraio inoltre svolge una duplice funzione: per gli sposi costituisce un’opportunità di confermare il proprio amore; le giovani coppie invece attendono questa giornata con la speranza di sorprendere il proprio partner con un fantastico regalo. C’è chi pensa a cosa donare tra tubi di baci e peluche con un cuore sul quale viene scritto i love you. Oggigiorno il simbolo d’amore è espresso in modo particolare proprio dai cioccolatini perugina contenenti bellissime frasi: ecco come in un dono non ci si può mai sbagliare. Ma il sentimento più bello che esiste può essere dimostrato solo in questo modo e unicamente in questa occasione?

Alessandro Perrella e Mariateresa Ruocco

L’intervista alla coppia formata da Alessandro Perrella e Mariateresa Ruocco Continua a leggere