Una liturgia in memoria dei senza dimora morti in strada. Allarme povertà in Campania

Comunicato stampa. Fonte: Comunità di Sant’Egidio

senza dimoraDa quindici anni, a Napoli, la Comunità di Sant’Egidio ricorda le vittime della vita in strada, a partire dalla morte di Elisa Cariota, un’anziana senza fissa dimora, che viveva nei pressi della Stazione Centrale di Piazza Garibaldi.

Con Elisa ricorderemo i 200 senza fissa dimora che in questi anni sono morti nelle strade di Napoli. Italiani, stranieri, giovani, anziani, donne, i cui nomi saranno ricordati uno per uno, e per ciascuno di essi sarà accesa una candela perché la vita di nessuno sia dimenticata.

L’appuntamento è per domenica 17 febbraio alle ore 11.30 nella chiesa di san Pietro Martire a Napoli,  piazza Bonghi nei pressi dell’Università. Dopo la messa, la Comunità di Sant’Egidio offrirà un pranzo a tutte le persone senza dimora nei locali adiacenti alla Basilica dei Ss. Severino e Sossio in Largo San Marcellino. Continua a leggere

Annunci