Il Centro è on line: aspettando Natale…

Questo mese la prima domenica di Avvento del 2011 si apre con la 53° edizione della rivista Il Centro, già affermatasi in Penisola Sorrentina per l’attenzione che sa rivolgere al mondo del sociale, dell’arte, della cultura e della religione. In questo numero:

– Il progetto di restauro delle edicole votive di Piano di Sorrento e l’intervista al Professor Pierfrancesco Rescio

– Cecilia Coppola intervista padre Ferruccio per i suoi 60 anni di sacerdozio

Marina D’Aequa, trent’anni dopo la tragedia

– Per la rubrica “Cucino con il Centro” un gustoso calendario dell’avvento

– Giuseppe Arpino, ministrante con il piglio da leader

– i 2 anni della rubrica sportiva “Il Centro…campo

E ancora la rubrica di diritto canonico, il saluto di una catechista, la protezione civile di Piano di Sorrento compie un anno, la rubrica di teoria e pratica per aiutare i giovani studenti nella comprensione delle materie scientifiche, l’appuntamento con il testo sinodale da poco pubblicato nella nostra diocesi e tanto altro.

Da questo mese Il Centro è anche online!

Un modo per essere ancora più vicini ai nostri lettori

CLICCA QUI PER LEGGERE L’EDIZIONE DI NOVEMBRE

Annunci

Forza Raffaele!

Scoprire che un amico è in pericolo e restare in attesa di qualche buona notizia è snervante, qualcosa di terribile. E’ quello che molti dei conoscenti di Raffaele, giovane animatore di Piano di Sorrento, hanno provato ieri sera aspettando i risvolti della brutta disavventura di cui è stato protagonista.

Raffaele De Gennaro, 24 anni, Animatore Acr della Parrocchia di San Michele Arcangelo

Immaginate ora di venire a conoscenza di una tale peripezia dalla rete; la vicenda è stata descritta con dovizia di particolari non più di mezz’ora dopo l’accaduto; la dinamica raccontata nei minimi dettagli, quando l’unico che può svelare, se vuole, quando vuole e a chi vuole, cosa è realmente successo può essere solo colui che ha vissuto questa spiacevole situazione. Nessuno ha pensato che forse a leggere quel testo sarebbe potuto trovarsi un parente, magari un genitore, ancora all’oscuro della situazione. E invece anche loro sono dovuti sottostare alla legge del click, alla regola del primo che arriva, come si trattasse di una gara, senza alcun rispetto per lo stato d’animo di chi vuole bene. Addirittura erano ancora in corso le operazioni di soccorso mentre in rete circolava la notizia che Raffaele stava bene ed era già stato portato via. Una volta saziata la fame di curiosità, di foto e video, tutto è finito, mentre all’ospedale genitori ed amici aspettavano fino a tarda notte l’esito, fortunatamente positivo, di un delicato intervento chirurgico.

Noi redattori de Il Centro, dopo aver seguito la vicenda con apprensione, in maniera rispettosa ed in attesa di notizie certe e positive, desideriamo solo stringerci attorno alla famiglia ed ai parenti di Raffaele, aspettando che superi felicemente, con la solita allegria e la solita forza, questo piccolo ostacolo.

Nozze d’argento per il gruppo ministranti

Articolo di: Stanislao Macarone Palmieri

nozze d'argento ministranti. Foto Peppe 105

La data era segnata, i cuori erano pronti, ma forse pochi l’immaginavano così. Il 25° anniversario del gruppo ministranti della basilica di S. Michele Arcangelo, festeggiato domenica 15 maggio, resterà nella storia di questa parrocchia un momento di forte unione che ha lasciato il segno non solo in chi era sull’altare ma probabilmente anche in tutta l’assemblea.

Una corona di ministranti incorniciava tutto l’abside e non si poteva che restare con il fiato sospeso almeno per qualche minuto nel rivedere tanti volti che hanno segnato il gruppo: generazioni di uomini che si incontrano in Gesù, padri, nonni, giovanissimi, tutti giullari alla corte più bella, tutte pecore che entrano nella porta giusta perché riconoscono il pastore della loro vita.
Tanti sono stati i momenti toccanti e commoventi: dai brevi discorsi di Mario Casa e Rocco Gargiulo, i due responsabili che si sono succeduti in questi anni, alla vista di tanti che sono saliti anche in ritardo ma che hanno trasmesso quell’orgoglio di essere parte di questa famiglia.
Nozze d’argento… un matrimonio tra ministranti e Gesù. Un amore che non si spegne con il passare delle generazione, ma anzi che si rafforza ad ogni Eucarestia a stretto contatto con Lui. Continua a leggere

Lettera in redazione

La seguente lettera scritta da Lauro Castellano e inviata, con foto in allegato, all’indirizzo di posta elettronica redazione_ilcentro@yahoo.it il giorno sabato 12 marzo 2011 fa riferimento all’articolo pubblicato nell’edizione n.44 del 27 febbraio 2011 a pagina 23 in cui, dietro segnalazione dei lettori, si affrontano gli argomenti del degrado monumentale della basilica di San Michele Arcangelo di Piano di Sorrento a causa del guano di piccione e delle soluzioni possibili nel rispetto tanto dell’arte quanto degli animali.

Ho letto l’articolo su “Il Centro” di febbraio “Salvate la faccia della Chiesa San Michele” riguardo i provvedimenti al vaglio degli esperti circa la soluzione del problema del guano (le “cacche”) rilasciato dai piccioni sulla facciata della nostra Basilica o, peggio ancora (?), sugli abiti dai fedeli.

La lettura dell’articolo è stata per me motivo di indignazione che spiego. Continua a leggere

L’Ac si veste a festa

Ecco come l’Ac di alcune comunità della penisola sorrentina hanno festeggiato il carnevale e quale tema hanno scelto per l’occasione:

Griffin e anni ’60 – Santa Maria del Lauro (Meta)

Due sono stati i temi scelti dagli animatori della parrocchia di Meta: i ragazzi sono stati trasportati direttamente in America e precisamente tra i membri della famiglia Griffin; i giovanissimi invece, hanno fatto un tuffo nel passato, nello splendore degli anni ‘60. Le feste si sono svolte presso il centro parrocchiale, quella dei ragazzi è stata fatta domenica 6 marzo, quella dei giovanissimi il lunedì seguente, 7 marzo. I ragazzi hanno aderito numerosi all’American party e gli animatori si sono attrezzati (con braci e friggitrici) preparando loro squisiti hot dog. I giovanissimi non hanno esitato a mascherarsi e sulle note della grande musica degli anni ‘60, si sono scatenati in pista tra balli e sane risate. Tutto ciò si è svolto in un clima gioioso e festoso perché «la vida es un carnaval» e sia i ragazzi che i giovanissimi sanno sempre come divertirsi.

Marino Russo

 

Simpson e coppie – San Michele Arcangelo (Piano di Sorrento)

Il Carnevale 2011 è stato quasi unico per la concomitanza dei festeggiamenti in onore della donna. Esso è stato speciale, però, anche per i ragazzi e i giovanissimi dell’Azione Cattolica di San Michele Arcangelo a Piano di Sorrento. Gli animatori hanno ideato Continua a leggere

La vittoria va ai Tiger!

Articolo di: Francesco Bevacqua

L’albo d’oro si arricchisce: i campioni del Torneo Acg 2010/2011 sono usciti alla scoperta. Rumorosamente e perentoriamente i Tiger, in bianco azzurro, conquistano il titolo, dopo una prestazione decisa e rabbiosa contro

La squadra dei Cicloni

quella sfortunata dei Cicloni gialloneri, in gara per i primi dieci minuti e per gli ultimi cinque. Nel mezzo, cuore e speranza ma purtroppo poco altro. La gara è iniziata infatti sul filo dell’equilibrio, si è immediatamente rivelata molto fisica e veloce ma soprattutto incerta: alla determinazione dei Tiger rispondono i Cicloni ben messi in campo, guidati da Esposito e Cappiello che sembrano, con fraseggi spettacolari, poter fare la differenza. Differenza fatta ampiamente dai tifosi degli sconfitti che con coreografie, striscioni e fumogeni colorano la gara. A suonare la sveglia è Giuseppe Macarone Palmieri con un bel pallonetto a superare Fabrizio Russo. Alla rete dell’1-0 i Cicloni sembrano disorientati e subiscono altre due reti in pochi minuti. Colpo duro dopo il quale uscire o con una reazione immediata o con la resa: ci pensa Vincenzo Donnarumma a portare gli avversari sulla prima strada. Un suo rinvio distratto finisce sulla gamba di Antonio Izzo, un po’ in ombra fino ad allora, e poi in porta, grazie ad una parabola perfetta. Sulla via maestra si abbatte però il gol splendido di Continua a leggere

Dopo mesi di ricerche a Namanga l’acqua c’è

Articolo di: Iole Filosa

«Abbiamo trovato l’acqua» è così che Luca Mormile, da anni attento alle necessità africane, ci comunica la notizia che aspettava e aspettavamo tutti da tanto. Era il 18 gennaio del 2010 quando partì con Massimo Ruggiero, Salvatore Castellano, Nello De Angelis, Giuseppe Pane e le maestre della scuola elementare “San Michele Arcangelo” di Piano di Sorrento, Monica Mormile e Angela Esposito, alla volta della Tanzania. Erano diretti presso la comunità delle suore d’Ivrea di Namanga e avevano due obiettivi: effettuare l’allacciamento della corrente elettrica ai nuovi impianti che il vicino Kenya stava costruendo, spalleggiando così l’efficacia dei pannelli fotovoltaici montati lì dagli stessi volontari, e sondare, letteralmente, il terreno per la costruzione di un pozzo. La richiesta venne direttamente dalla madre generale, mamma Anna, come la chiamano in comunità, dopo 10 lunghi mesi di siccità.

Oggi, dopo mesi di trivellamento la ditta cinese a cui sono stati affidati i lavori comunica che ad 80 metri di profondità l’acqua c’è ed è possibile ricavarne un pozzo. Sono necessari ora i lavori di completamento: deve essere istallata una pompa di sollevamento e una vasca di condensa che permetta di tirare su l’acqua e renderla utilizzabile. «Abbiamo fatto tanti sforzi, ora dobbiamo farne un altro per portare a termine quello che è stato iniziato» dice Luca Mormile. Per l’opera di finalizzazione sarà chiamata una ditta di Milano con cui i volontari andranno presto a fare un sopralluogo per un preventivo orientativo dei costi che dovrebbe aggirarsi, presumibilmente, sui 4000-5000 euro, budget da verificare una volta sul luogo. Continua a leggere

Nuovo consiglio parrocchiale a San Michele

Il mandato di Gino Cacace come presidente di Azione Cattolica giunge al termine e le elezioni del nuovo Consiglio parrocchiale si impongono all’attenzione della comunità di San Michele. Viene eletto Mario Casa che racconta la sua esperienza in AC sulla pagine del giornale e fornisce i dati delle elezioni e delle nomine assegnate settore per settore, come illustra lo schema riassuntivo riportato di seguito.

NB.lo schema seguente è aggiornato rispetto all’edizione cartacea: le informazioni fornite sono state corrette a seguito della gentile segnalazione dei nostri lettori

UN PRESIDENTE ZAINO IN SPALLA

Intervista di: Cecilia Santovito

Mario, descriviti brevemente, chi sei, e quali sono le tappe che negli anni ti hanno condotto a questo incarico?

Mario è un padre e un marito, che nel suo cammino ha ricevuto tanto: da ragazzo all’Acr, dal 1981, uno dei pochi fortunati componenti dell’unico gruppo 6-8 della nostra storia di Ac; da giovanissimo tra i pionieri del Gruppo Ministranti; da giovane come animatore. Negli ultimi dieci anni, tra il “mettere su famiglia”, e a causa dei ritmi lavorativi, sono stato un po’ solo spettatore di quanto avvenuto nella nostra parrocchia: tuttavia l’impegno dell’animazione musicale della messa delle 11.15, mi ha tenuto fortunatamente legato almeno all’Eucarestia settimanale. Da alcuni anni poi, l’esperienza dei gruppi Giovani Famiglie, mi ha progressivamente riportato tra le mura del centro parrocchiale, ed oggi vedo già all’orizzonte, di qui al termine del mio mandato di Presidente, l’ingresso di mio figlio all’Acr.

Quali sentimenti hai provato in occasione della nomina? Continua a leggere

L’Acr a Campitello Matese

Articolo di: Stanislao Macarone Palmieri

Non c’è alcun dubbio: proporre a dei ragazzi di andare sulla neve è la garanzia vincente per una giornata all’insegna del divertimento.Un segreto che gli animatori di San Michele Arcangelo hanno scoperto da tempo e che rinnovano ogni anno, riuscendo, nonostante difficoltà varie, a trascinare un gran numero di accierrini. Meta di quest’anno Campitello Matese, tranquilla località molisana con poche attrattive paesaggistiche ma che per domenica 30 gennaio si è trasformata in un magico wonderland. Tra ritardi e problemi tecnici in autostrada finalmente intorno alle 10 si arriva: pochi minuti per dare il tempo di cambiarsi in una sala e poi di corsa tutti a costruire pupazzi di neve o inseguire i propri animatori bombardandoli con palle di ghiaccio (tra l’altro anche belle pesanti!). Continua a leggere

Padri e madri sulla via di San Francesco

Articolo di: Rosaria Cassese e Giudtta Ercolano

Il 4 febbraio 2011 il gruppo genitori della comunità di San Michele Arcangelo è partito, guidato da don Pasquale Irolla, per un viaggio nella città di Assisi suggellando così il cammino intrapreso durante l’anno incentrato su San Francesco. Una volta tornati alla quotidianità hanno condiviso con noi, tramite Rosaria Cassese e Giuditta Ercolano, le loro emozioni.

Il gruppo genitori di San Michele ad Assisi

Se dovessimo dare un titolo all’esperienza appena vissuta sarebbe sicuramente “E ti vengo a cercare”. è con questo spirito che noi del gruppo di genitori dopo aver approfondito la vita di San Francesco abbiamo intrapreso questo viaggio ad Assisi. Il nostro cammino è stato come un pellegrinaggio. Il pensiero che ci ha accompagnato è stato quello di voler elemosinare all’arrivo alla Porziuncola un po’ della vera povertà, perché la nostra è una povertà misera di cuore, non come quella vissuta dallo stesso Francesco e Chiara. Il contatto con le pareti della Porziuncola è stato proprio un voler rubare quel loro spirito e farlo partecipe della nostra vita. Così come il trovarsi faccia a faccia con il crocifisso che parlò a San Francesco e che oggi si trova nella chiesa di S. Chiara è stato un misto di emozioni, di pianti e di gioia che l’espressione più giusta è sentirsi felicemente a pezzi. Indimenticabile è stato il rosario recitato tutti insieme all’aperto a San Damiano, un ritrovarsi al centro del Cantico delle Creature, un sentirsi infinitamente piccoli davanti alla bellezza della Creazione. Questo viaggio ci ha fatto ritornare alla semplicità, alla spensieratezza a una leggerezza d’animo che ci ha permesso di ritrovarci la sera seduti in cerchio con una chitarra magistralmente usata a cantare canzoni che quasi non ci ricordavamo più. E questo ci auguriamo e ci apprestiamo a vivere adesso tornati a casa, vivere la vita con la stessa serenità e amore perché la nostra quotidianità è comunque un volere divino.