Piano di Sorrento omaggia Giuseppe Verdi

Locandina concerto omaggio a Giuseppe VerdiIl 2013 verrà per sempre ricordato come l’anno in cui tutto il mondo ha festeggiato il bicentenario della nascita di due mostri sacri della musica classica di tutti i tempi: Giuseppe Verdi e Richard Wagner, venuti entrambi alla luce nel 1813, rispettivamente ad ottobre e a maggio.

La città di Piano di Sorrento renderà omaggio al genio italiano e lo faràmartedì 30 luglio alle ore 21.00 a Villa Fondi dove l’Associazione “Tertium Millennium presenterà all’interno della “Summertime 2013”, la programmazione di eventi estivi del Comune di Piano di Sorrento, un concerto omaggio a Giuseppe Verdi.

Il musicista Antonino De Rosa, la soprano Anna Maria Gargiulo e il coro polifonico “Genesi” diretto dal Maestro Roberto Altieri porteranno sulla terrazza carottese brani in forma storica per coro e voce, e alcune tra le romanze più belle e rare del noto compositore. Il tutto sarà arricchito dagli interventi della prof.ssa Renata Maione, docente di storia della musica al Conservatorio San Pietro a Majella di Napoli, incentrati sulla vita e le opere del grande Maestro.
(Fonte: Comunicato ufficiale Comune Piano di Sorrento a cura di Akmàios)

Il concerto di chitarra del M° Aniello Chierchia Vaccaro per il Giorno nazionale del Ricordo

manifesto ricordo 2013In occasione del Giorno nazionale del Ricordo in onore delle vittime dei massacri delle foibe e dell’esodo istriano, domenica 10 febbraio alle ore 19,00 presso la Chiesa della SS. Annunziata il Comune di Piano di Sorrento in collaborazione con l’Associazione Georges Bizet Guitar Ensamble propone il concerto di chitarra classica del Maestro Aniello Chierchia Vaccaro.

Aniello Chierchia Vaccaro inizia gli studi sotto la guida del M° Vincenzo Amabile presso il Conservatorio G. Martucci di Salerno diplomandosi nel 2007 con il massimo dei voti e la lode. Arricchisce la propria formazione conseguendo, presso lo stesso conservatorio, la laurea di secondo livello in chitarra, indirizzo solistico, con lode e menzione speciale sotto la guida del M° Antonio Grande. Segue corsi di perfezionamento con rinomati chitarristi di fama internazionale tra i quali: David Russell, Marco Socias, Rapphaella Smits, Angelo Gilardino, Frederic Zigante, Edoardo Catemario, Aniello Desiderio. Continua a leggere

“Linee e confini”, l’evento

Eventi. Grande successo di pubblico e critica per la prima presentazione della silloge “Linee e Confini”

L’ARTE, PROTAGONISTA DISCUSSA DELLA SERATA

I versi di Mario De Rosa, il teatro di Angela Caterina, le musiche di Claudio Jr. De Rosa e la matita di Aldo Terminiello. Intervenuti la prof Barba e il Sindaco di Piano di Sorrento, Giovanni Ruggiero

Guarda il VIDEO di Diego Ambruoso sull’evento

Da sinistra: Costanza Martina Vitale, la prof. Angela Barba, il poeta Mario De Rosa, l'attrice Angela Caterina

Buio in sala. Lentamente fa capolino una luce calda laterale che va ad illuminare il volto di una giovane donna dai lunghi capelli corvini pronta per proclamare la protagonista indiscussa della serata: la poesia. Un cenno di intesa degli organizzatori e l’incontro ha inizio. È domenica, il 10 aprile. Il centro culturale comunale di Piano di Sorrento ospita la prima presentazione di “Linee e confini”, la nuove silloge di Mario De Rosa, già autore della raccolta di liriche “E finalmente piove”. La sala è piena, affettuosa e partecipe. E in questo gioioso ritrovo entra in scena la prima opera “Io canto il silenzio”. È la voce di Angela Caterina, attrice e scrittrice dell’opera teatrale “Io Pierrot” alla quale verrà affidata la trasmissione delle emozioni dai versi al pubblico. Dopo il primo caloroso applauso prende la parola la moderatrice della serata, Costanza Martina Vitale che, con fare emozionato ed elegante, presenta gli intenti, gli obiettivi e il backstage dell’iniziativa. La manifestazione – spiega – è organizzata dalla cooperativa “Akmàios”, nota all’attenzione dei cittadini già per l’omonimo Concorso nazionale di Poesia e Fotografia e per il giornale “Il Centro”, mensile della Penisola Sorrentina, di cui è editrice.

La sala del Centro Culturale di Piano di Sorrento durante la presentazione

Anche Mario De Rosa, tra i tanti altri validi collaboratori, apporta il suo prezioso contributo alla redazione del giornale, ed è per questo, e per la naturale e prefissata volontà di dare, in quanto giovani, giusto spazio ai giovani, che è nata l’idea della presentazione di “Linee e confini”. Per illustrare l’opera viene data la parola alla professoressa Angela Barba, autrice della prefazione del libro e docente del liceo classico “P.V. Marone” di Meta. Dalle sue parole si evince non solo la profonda stima nei confronti dell’autore ma anche la grande passione per le materie letterarie e per i moti dell’anima che permettono la sperimentazione di tecnicismi non fini a se stessi. Non mancano collegamenti ipertestuali, rimandi a grandi opere letterarie e riflessioni personali sull’abilità di Mario De Rosa nel trasmigrare da un clima poetico all’altro con coerenza e spiccato senso lirico.

Prima di dare il via alla seconda fase dell’incontro, la parola passa al sindaco di Piano di Sorrento Giovanni Ruggiero, presente in sala e sempre attento alle Continua a leggere

Le troppe note stonate dell’Ariston

Articolo di: Francesco Bevacqua

Roberto Vecchioni con la spilla-gufo della Gialappa's

Da molti anni ormai prima, durante e dopo il festival della canzone italiana non si parla d’altro che di cachet, di vallette, presentatori e superospiti. Persino i fiori sembrano avere più importanza di quelle che alla fine dovrebbero essere le protagoniste indiscusse della kermesse: le canzoni. Poi si considera il loro livello qualitativo ed è meglio tornare a parlare di cachet, vallette, presentatori. Un tempo tempio di Modugno, Villa, Tenco e altri maestri, oggi vetrina spudoratamente commerciale per artisti sulla via del tramonto o in pseudo-ascesa post-talent show. Quest’anno, in particolare, indigestione di meteore et similia: hanno cantato dagli sconosciuti o quasi Luca Madonia, La Crus e Davide Van De Sfroos fino alle “amiche” Emma e Loredana, quest’ultima in un a dir poco spaventoso duetto con Anna Tarangelo. Continua a leggere

Intervista a Demis Facchinetti

il cantante di Italia's Got Talent Demis Facchinetti

Demis Facchietti, finalista al programma televisivo “Italia’s got talent” si racconta al giornale “Il Centro”. Dalle possibilità offerte dal grande schermo alle conoscenze fatte nel campo musicale, dalla riflessioni sui successi facili delle attuali trasmissioni alla qualità del lavoro svolto in sala di registrazione, essenziale per il successo, a prescindere dal numero di dischi venduti. Questo e molto altro nell’intervista esclusiva rilasciata a Antonella Coppola.

 

Tutti i dettagli nell’edizione del 30 gennaio 2011. Per richiedere questa edizione (numero 43) contatta la redazione.

Hopemusic: per ritrovare il vero Natale

Articolo di: Don Tonino Minieri

Il gruppo

O è Natale tutti i giorni o non è Natale mai!”: questa è la traccia della meditazione musicale che gli Hopemusic, gruppo di giovani musicisti nato nel 2007 propongono per il concerto del 5 gennaio 2011 al teatro San Giuseppe di San’Agnello. L’obiettivo è una catechesi in musica, non solo un concerto, che, attraverso cover di grandi artisti racconti i momenti fondamentali dei primi giorni di vita di Gesù.

Tutti i dettagli nell’edizione del 26 dicembre 2010. Per richiedere questa edizione (numero 42) contatta la redazione.

Dalla Francia tre preti con furore

Articolo di: Jacopo Maresca

Sono stati definitivi il fenomeno musicale del 2010, in Francia hanno venduto oltre mezzo milione di dischi, il loro singolo è uno dei più cliccati su couture. Parliamo dei Coldplay? No, dei The Priest, un gruppo formato da tre preti francesi capace di conquistare in brevissimo tempo lutenza cristiana e non. Ma questa è solo una delle tante iniziative popolari partite dalla Chiesa Quale sarà lo scopo di tutto questo?

 

Tutti i dettagli nell’edizione del 26 dicembre 2010. Per richiedere questa edizione (numero 42) contatta la redazione.

L’arte disimpegnata non esiste: c’è l’economia

Articolo di: Jacopo Maresca

Schema illustrativo del rapporto 2010 stilato dalla Iulm

Dalluniversità IULM di Milano arriva il rapporto 2010 sulleconomia della musica in Italia, un approfondito excursus curato dalla Fondazione Università IULM sul rapporto della società con laspetto artistico del panorama economico. Diversi i dati sorprendenti, in negativo e in positivo.


Leggi: Economia della musica in Italia: Rapporto 2010


Tutti i dettagli nell’edizione del 28 novembre 2010. Per richiedere questa edizione (numero 41) contatta la redazione.

Canzoni ambientaliste

Playlist di: Antonella Coppola

Antonella Coppola al pianoforte

Una top five di canzoni “ecologiche”? Non pensavo fosse tanto arduo stilarla! Ho chiesto ad amici e parenti, molti mi hanno ripetuto gli stessi titoli e sono riuscita grazie alle nominations a classificare, dal primo al quinto posto, i testi più famosi che inneggiano o denunciano lo stato ambientale della nostra Madre Terra.

  • Ci vuole un fiore: cantata da Sergio Endrigo e scritta da Gianni Rodari, ideata per i bambini nell’intento di far capire loro come sia importante la natura per dar vita anche ad oggetti comuni;
  • Il ragazzo della via Gluck: cantata da Adriano Celentano; tutta la malinconia che un ragazzo prova vedendo il cemento prendere il sopravvento sui prati;
  • Mediterraneo: cantata da Mango; una poesia dedicata alle acque che bagnano le nostre coste, un’invito a ripettarlo;
  • L’ombelico del mondo: cantata da Jovanotti; esalta la bellezza del mondo in cui solo noi abitanti possiamo decidere il suo andamento;
  • Mal di terra: cantata da Giorgia: una frase del testo recita:Guarda quanto è piccolo il mondo così pieno del nostro scempio mentre siamo presi a consumare tutto quello che ha valore” non c’è altro modo per spiegare la scelta.

Negli ultimi mesi il panorama musicale italiano si è arricchito di un nuovo titolo: Mondo di Cesare Cremonini, mentre in quello straniero gli artisti “verdi” più attivi sono gli U2, i GreenDay e durante questa ricerca mi sono imbattuta nei Disturbed che con il video di Another way to die denunciano il collasso che la natura sta subendo solamente a causa dell’ uomo.

Il raduno dei campanari ad Arrone

Articolo di: Michela Cinque

I campanari della parrocchia della Ss. Trinità

Si è svolto il 28 e il 29 agosto ad Arrone, il provincia di Terni, l’annuale raduno nazionale del campanari, arrivato alla sua cinquantesima edizione ed il 2°raduno dei campanari del centro Italia. Della penisola sorrentina si sono esibiti i campanari della SS.Trinità sullo stesso campanile benedetto e successivamente anche suonato da monsignor Renato Boccardo, arcivescovo della diocesi Spoleto-Norcia, come Campanile dei Diritti Umani.

 

Tutti i dettagli nell’edizione del 31 ottobre 2010. Per richiedere questa edizione (numero 40) contatta la redazione.